Il Sindaco dorme e se ne frega del suo territorio mentre chi si batte è il Presidente della Provincia Zinzi!!!

 

A Terzigno si battono e a San Tammaro si dorme!!!

Rivolta a Terzigno, a San Tammaro i rifiuti di Napoli: Zinzi dice no. Quanto resisterà?  Già sabato, al Crowne Plaza, il presidente della Provincia aveva lanciato l’allarme, rassicurato da Paolo Romano e dalle battute di Nicola Cosentino

CASERTA – “Ho ricevuto poco fa una decina di telefonate che mi allarmano”: aveva detto così, Mimì Zinzi, al Crowne Plaza, intervenendo al convegno di ‘Sei Caserta’ promosso da Gigi Falco“Abbiamo già dato”, disse in buona sostanza Zinzi, riferendosi al numero di discariche presenti in Terra di Lavoro, a fronte di altri territori meno gravati dalle scelte regionali. Un allarme che cadde sostanzialmente nel vuoto, tra le rassicurazioni di Paolo Romano (che richiamava lo spirito della norma, contrario a tale ipotesi) e le battute di Nicola Cosentino. E invece il pericolo c’è. Zinzi si oppone all’ipotesi di accogliere a San Tammaro i rifiuti che Napoli non può smaltire a Terzigno. E richiama la necessità del cronoprogramma che si è dato in merito all’attuazione della legge 26. Dimenticando, però, di aggiungere che proprio alla legge 26 si oppone la sua richiesta di proroga al 2011 avanzata al governo.
Una contraddizione su cui torneremo tra poche ore con un altro articolo, raccontando ai nostri lettori alcuni particolari su cosa ha prodotto e cosa continua a produrre lo stato emergenziale in Terra di Lavoro.
sul Policlinico. Si riferiva al minacciato ingresso di rifiuti di altre province nel Casertano.

La nota stampa della Provincia

Ferma opposizione della Provincia di Caserta alla possibilità di conferire nella discarica di San Tammaro i rifiuti giacenti a Napoli per il mancato funzionamento della discarica di Terzigno. È questa la posizione espressa nel corso della riunione tenutasi oggi pomeriggio presso la prefettura di Napoli su iniziativa dell’assessore  regionale all’Ambiente, Giovanni Romano.
Seguendo una chiara indicazione del presidente della Provincia, Domenico Zinzi, l’assessore provinciale all’Ambiente, Umberto Arena, accompagnato dal direttore generale dell’Ente, Raffaele Picaro, ha ribadito la decisa presa di posizione espressa nei giorni scorsi dallo stesso presidente Zinzi. “La provincia di Caserta – ha dichiarato Zinzi – è stata già ampiamente vessata e trascurata da passate gestioni che hanno determinato veri e propri disastri ambientali. Le tante discariche disseminate sul territorio della provincia di Caserta sono riempite per i due terzi da rifiuti provenienti da Napoli. L’attuale situazione della discarica di San Tammaro, poi, non consente di poter ricevere rifiuti da parte di altre province. Se si andasse oltre le quantità che vengono già quotidianamente conferite – ha aggiunto Zinzi – non sarebbe possibile rispettare il cronoprogramma adottato dalla provincia di Caserta per assicurare la raccolta dei rifiuti in tutta la nostra provincia fino alla realizzazione dei previsti impianti di trattamento termico e biologico. La legge 26 del 2010, inoltre, prescrive il principio della provincializzazione della gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Ciò significa che ogni provincia deve essere del tutto autonoma sia nella raccolta che nello smaltimento dei rifiuti. Qui non si tratta di non voler dare la solidarietà alla provincia di Napoli. Tuttavia, non possiamo permetterci di vanificare tutti gli sforzi che la Provincia di Caserta ha fatto finora, rischiando seriamente di andare incontro alla stessa situazione di emergenza in cui si trova oggi la provincia di Napoli”.

Il Sindaco di San Tammaro e i suoi compagni di merenda in tutto questo dormono e se ne fregano del territorio e della salute dei cittadini!!!

Bravo Cimmino stai rispettando il tuo mandato popolare! VERGOGNATI!!!


lunedì 18 ottobre 2010

fonte: casertace

 


Il Sindaco dorme e se ne frega del suo territorio mentre chi si batte è il Presidente della Provincia Zinzi!!!ultima modifica: 2010-10-19T11:02:36+02:00da opera18
Reposta per primo quest’articolo